La curiosità è una virtù e il principio ispiratore dei leader

innuova
agosto 1, 2017

Una delle disfunzioni principali che incontro  nella mia pratica professionale è l’assenza di fiducia: nelle persone, nella politica, nei progetti, nelle relazioni.  Considero l’assenza di fiducia  un ostacolo nei processi di apprendimento e lo strumento principe per l’impantanamento organizzativo. Quando in un gruppo non vi è fiducia reciproca si perde molto tempo ed energia  a  gestire i propri comportamenti e le interazioni con gli altri, le riunioni diventano una fatica enorme, nessuno vuole assumersi delle responsabilità,  non si è disposti a mostrare  le proprie vulnerabilità agli altri.

Insomma si ha un’organizzazione bloccata. A questo punto cosa fare?

La prima considerazione è di senso comune: prevenire è meglio che curare. Ci sono degli alert comportamentali che segnalano la necessità di fare un pit stop organizzativo, ne cito alcuni: pensare che esistano colpe invece che un percorso ad ostacoli da affrontare insieme; pensare che il cambiamento sia un vezzo di qualcuno e non una necessità di sopravvivenza; screditare invece che sostenere  l’azione dell’altro (creando le condizioni così alla profezia che si autoavvera).

La seconda considerazione è legata al fare positivo e ad una evidenza che io ho trovato ricorrente nei casi di successo: favorire una cultura organizzativa dominata dalla curiosità.  La curiosità è un istinto che nasce dal desiderio di sapere qualcosa, è un aspetto emozionale strettamente connesso all’apprendimento, descrive   meccanismi e comportamenti psicologici utili a raccogliere informazioni ed interagire con l’ambiente. La curiosità è anche un approccio professionale, una competenza che si applica e viene richiesta a chi gestisce gruppi di lavoro, a chi fa ricerca, a chi conduce processi di innovazione. Mi è capitato molte volte che le parole fossero solo aspetti rituali e convenzionali di un modo di fare, ma ben lontane dal loro significato reale. Se non si è animati dalla curiosità nell’altro (chi è, cosa sa fare, cosa lo spinge a prendere certi atteggiamenti), nelle cose che avvengono (perché avvengono in un modo piuttosto che in un altro, cosa stanno producendo, che valore le persone danno a quello che accade), nei contesti dove si vive e si lavora (chi abita vicino, di cosa hanno bisogno e di cosa hanno paura, a quali valori si riferiscono, cosa comprendono di quello che accade), non esiste partecipazione, produttività, crescita, fiducia, ascolto, relazione. La curiosità è generativa e può essere generata dalla capacità narrativa che i leader ed i responsabili dei team devono avere  e acquisire,  alcune volte questi (i leader) non sanno dire sufficientemente di loro stessi per poterlo comunicare agli altri. Il principio della curiosità deve essere inoltre qualcosa che è nelle fondamenta costitutive di noi professionisti delle scienze sociali.

“Noi scienziati sociali dovremmo stare molto attenti a tenere a bada la nostra smania di controllare quel mondo che compendiamo in modo così imperfetto”(…)”I nostri studi si dovrebbero piuttosto ispirare ad un più antico, sebbene oggi poco seguito, principio: la curiosità per il mondo di cui siamo parte”    Gregory Bateson 1960

Il dovere di difesa della patria

innuova
gennaio 7, 2017

Sto preparando un laboratorio formativo con un gruppo di giovani ed una delle tematiche che dovrei trattare è quello del Dovere della Difesa della Patria. Questa  definizione contiene tre concetti che non digerisco del tutto: Dovere, Difesa, Patria. Mi si è allegato il cuore quando accanto ho letto: difesa civile non armata e non violenta, questa declinazione riapre il pensiero a tante possibilità a partire dalle esperienze di pratica non violenta. Riprese in mano le letture di Danilo Dolci  ho deciso di condividere un paragrafo illuminante preso dal libro Poema Umano:”Venuto in Sicilia nel ’52, per molti anni ho sentito come tentazione l’abbandonarmi a scrivere poesia (…): troppo forte sentivo il rischio di esaurire in parole urgenze che dovevano essere espresse soprattutto in azioni, fatti, esperienze da approfondire. Mi imprestavo semmai, promuovendo ripetutamente autunnali popolari, a chi non aveva voce, o non sapeva usare la penna. Finché nel ’68-’69 ho avvertito netta la necessità di valorizzare la sottile possibilità della poesia per contribuire a rispondere all’interrogativo: di che qualità volevamo lo sviluppo per cui ci impegnavamo.”

Se ora facessero a me questa domanda avrei difficoltà a rispondere, mi impegno a lavorarci con il gruppo che incontrerò la prossima settimana, e poi a scrivervi la risposta, qualunque essa sia.

Suite case: strumenti per una comunicazione efficace

innuova
maggio 2, 2016

Sabato 28 e domenica 29 maggio saremo tra i collaboratori del corso organizzato dalla tenuta Sant’Elisabetta e condotto da Pina De Angelis, Isabella Carloni, Simona Felsi e Chiara Pagnanelli dal titolo “Suite-Case: strumenti per una comunicazione efficace“.

Un originale approccio alla comunicazione che affronta quattro aspetti essenziali del parlare in pubblico: quello fisico-corporeo, quello vocale-performativo, quello psicologico ed esperienziale, quello tecnico-strutturale, un indispensabile bagaglio per i professionisti che affidano alla comunicazione un ruolo centrale della loro attività.

Inizio corso: sabato 28 maggio ore 9.30

Fine corso: domenica 29 maggio ore 16.00

Costo € 120 + IVA (13 ore di formazione)

Il corso avrà luogo con un minimo di 10 iscritti.

Vitto e alloggio convenzionato con la Tenuta.

La prenotazione è obbligatoria al n. +39 0734 53809 | mail: info@tenutasantelisabetta.it

Gianfranco Alleruzzo: il gusto del fare

innuova
ottobre 27, 2015

Innuova ospita oggi, sul tema della gestione delle Risorse Umane, Gianfranco Alleruzzo, presidente della Cooperativa Sociale Labirinto.A lui abbiamo chiesto una riflessione sul rapporto tra appartenenza/responsabilità/ flessibilità e il raggiungimento di un obiettivo comune da parte di un gruppo di lavoro.

Di seguito la sue considerazioni.
R. La mia funzione come presidente è lavorare con tutto il gruppo dirigente della cooperativa per orientarne il processo evolutivo. Un gruppo di lavoro è spinto in direzioni molto diverse e complesse: ad esempio stili o obiettivi personali a volte creano complicità mentre altre volte attriti, in alcuni casi obiettivi dei differenti ruoli (professionali o organizzativi che siano) a volte sostengono obiettivi di altri ruoli mentre altre volte si sovrappongono e con questi confliggono. L’obiettivo comune non è mai dato, perché i risultati di bilancio, la crescita della cooperativa o quella della qualità dei servizi sono il risultato di un lavoro costante di mediazione tra queste spinte differenti che sono allo stesso tempo il motore della cooperativa, ma anche il suo più grande rischio.

D. C’è una caratteristica principale che ricerca in un nuovo collaboratore (oltre alla competenza specifica della posizione).
R. Negli anni ho sempre cercato di trovare, per la natura sociale che ha la cooperativa Labirinto, persone che avessero impegni oltre il lavoro. La voglia di impegnarsi nella comunità, lo stimolo della ricerca, i percorsi formativi come segnali di quella voglia di impegno, di ricerca, gusto nel fare e responsabilità tutti elementi che ritengo importanti per questo lavoro.

D. Quali sono le difficoltà più grandi che si incontrano nella gestione del personale?
R . Essere immersi nelle correnti che attraversano la comunità professionale significa essere esposti ad una tensione continua. Una tensione vitale, che a volte rigenera, ma anche sfinisce e logora. Tentare di orientare, per quanto possibile, queste tensioni in direzioni positive, risignificando interpretazioni che creano disagio oppure disinnescando relazioni difficili, è la cosa più difficile. Perché questo richiede una partecipazione diretta, che espone, a volte troppo.

D. Ci sono alcune strategie, modi, procedure, strumenti che ha utilizzato in alcuni casi per far lavorare bene un gruppo di persone e che a suo avviso sono stati particolarmente efficaci, se si ce ne potrebbe dire qualcuno?
Prima di tutto l’organizzazione del gruppo con ruoli definiti, obiettivi di lavoro dichiarati e soprattutto produzione di un risultato (senza risultati i gruppi di lavoro sfioriscono in fretta). Detto questo sono indispensabili strumenti che permettono di far esprimere i diversi punti di vista. Ma sono proprio questi differenti punti di vista la cosa più complessa da gestire, perché una volta espressi innescano l’elemento “potere”, cioè quale punto di vista prenderà il sopravvento? E qui torniamo alle spinte/correnti che attraversano i gruppi di lavoro. Gestire queste spinte è la sfida: considerare che ogni punto di vista è legittimo, che tra i punti di vista ci sarà tensione/conflitto e di conseguenza fare in modo che quella tensione/conflitto sia positivo producendo conseguenze aperte al coinvolgimento di tutti, per quanto possibile.

D. A suo avviso c’è una visione strategica di medio tempo per la gestione delle Risorse Umane (cosa servirà domani, come gestire e sviluppare internamente un talento?
Penso che il lavoro di un gruppo debba viaggiare nell’equilibrio tra organizzazione razionale e talento del singolo. Senza la tensione tra questi due estremi non c’è evoluzione, in realtà però non esiste nessun equilibrio, ci sono momento di grande armonia nel gruppo, subito scalzati da crisi che appaiono irreversibili. Si deve tendere al presidio di questa tensione nel tempo, permettendo di avere parti che rispondono in maniera organizzata alle sollecitazioni che le attraversano, tenendo conto che alcuni stanno bene solo all’interno di una organizzazione “solida”. Allo stesso tempo presidiando avventure dei singoli, che a volte non sono soli ma costituiti da piccoli gruppi, che hanno spirito di impresa responsabile, per esplorare nuovi mondi e nuove opportunità.

D. Ci sono competenze. professionalità o formazioni specifiche che dovrebbe avere chi gestisce le Risorse Umane?
R. Credo che si debbano avere conoscenze tecniche specifiche (esempio conoscere il contratto collettivo e le norme sul lavoro) e di strumenti di gestione del gruppo, ma è indispensabile anche una conoscenza “pedagogica” perché nella relazione professionale la domanda che dovrebbe sempre essere presente è “cosa ci faccio di quello che è successo?” orientando la risposta alla evoluzione dei singoli e del gruppo.

Per far lavorare bene un gruppo è fondamentale la metodologia in quanto “ come fare e far fare”. Spesso confondiamo la metodologia con la didattica che è “ cosa faccio fare

innuova
ottobre 15, 2015

Ecco a voi il secondo articolo sul tema: Come creare e allenare una buona squadra all’interno di un’organizzazione. Oggi ospitiamo Floriano Marziali, Coordinatore Federale del Settore Giovanile e Scolastico Marche FIGC

D. Qual è il suo ruolo all’interno della FIGC (Federazione Italiana Gioco Calcio) e che funzione ha rispetto alla gestione delle risorse umane?
R.Sono il Coordinatore Federale del Settore Giovanile e Scolastico Marche. Ho la funzione di rappresentare a livello regionale la Figc e gestire uno staff di persone composto da tecnici con diverse competenze, formatori, psicologi, medici, personale di segreteria.
D. E’ proprio così importante creare appartenenza, responsabilizzazione e flessibilità per far si che un’organizzazione, un azienda o una squadra di sportivi funzioni? Ci sono altri modi per far “funzionare le persone” rispetto al raggiungimento di un obiettivo comune?
R. L’appartenenza, la responsabilizzazione e la flessibilità sono sicuramente importanti, ma è altresì importante avere sempre ben presenti gli obiettivi da sviluppare i quali devono essere come la “stella cometa” del percorso che per me è di medio –lungo periodo visto che mi occupo di giovani.
D.C’è una caratteristica principale che ricerca in un nuovo collaboratore o collaboratrice (oltre alla competenza specifica della posizione)?
R.Che sappia spegnere la propria luce per accendere quella degli altri. Coerenza e rispetto oltre a capacità.
D. Quali sono le difficoltà più grandi che si incontrano nella gestione del personale?
R. I personalismi, il protagonismo, il voler dimostrare il proprio valore forzando la prestazione o il compito.
D. Ci sono alcune strategie, modi, procedure, strumenti che ha utilizzato in alcuni casi per far lavorare bene un gruppo di persone e che a suo avviso sono stati particolarmente efficaci?
R. Ritengo fondamentale la metodologia in quanto “ come fare e far fare”. Spesso confondiamo la metodologia con la didattica che è “ cosa faccio fare . Per la mia esperienza se non confondo questi due aspetti i vantaggi sono evidenti.
D. A suo avviso c’è una visione strategica di medio tempo per la gestione delle rispose umane (cosa servirà domani, come gestire un talento oggi che dovrà essere pronto domani…)?
R. Faccio l’esempio del talento sportivo che va riconosciuto ( non è semplice ). Bisogna accompagnarlo nel percorso di formazione senza la frenesia di anticipare i tempi che porta alla specializzazione precoce e quindi spesso al fallimento.
D. Ci sono competenze, professionalità o formazioni specifiche che dovrebbero avere chi gestisce le risorse umane?
R.Competenze riguardanti le dinamiche di gruppo. Capacità di creare un gruppo coeso e favorirne l’evoluzione. Saper assumere la funzione di guida e di sostegno, la leadership. In ambito sportivo l’allenatore è un punto di riferimento ed un modello di identificazione per i suoi ragazzi, sia sul piano agonistico che su quello umano.

Come creare e allenare una buona squadra all’interno di un’organizzazione

innuova
ottobre 8, 2015

Propongo di seguito alcune riflessioni legate alle gestione delle Risorse Umane.
Questo è il primo appuntamento di una rubrica che ospiterà via via testimonianze che racconteranno la loro esperienza nel campo della gestione delle Risorse Umane con l’obiettivo di fornire ai manager un piccolo strumento di autovalutazione e possibili strumenti di crescita personale.

Il termine Risorsa Umana è sempre più in voga ed è usato spesso per descrivere il perché del successo di un’azienda e l’importanza del saper fare una giusta selezione e gestione del personale. Infatti se è vero che le persone in un’organizzazione sono importanti è anche vero che non sono semplici e trovare la giusta sintesi per farle funzionare insieme è estremamente difficile.
Di seguito provo a tracciare alcuni dei capisaldi che orientano un buon lavoro di management delle risorse umane all’interno di un’organizzazione.
Il primo di questi è quello ha a che fare con la capacità di sviluppare atteggiamenti collaborativi tra le persone. Le condizioni che lo permettono sono tra le altre la promozione del senso di appartenenza ad un gruppo e la fiducia reciproca, elementi questi che si generano a partire dalla conoscenza reciproca, dall’integrazione nei team e da un buon livello di autonomia nel processi di lavoro. L’appartenenza passa attraverso la sfera dei valori (condividere un’idea di prodotto, di organizzazione, di modo di essere sul mercato) e la sfera della possibilità realizzativa, non si può condividere un valore infatti se non lo si sperimenta quotidianamente nella pratica lavorativa.

Un secondo elemento di riferimento è la capacità che ha il manager di responsabilizzare le persone verso un obiettivo personale e di seguito verso un obiettivo aziendale, in modo condiviso e partecipato, con un orientamento legato al raggiungimento dei risultati e della crescita personale. Elementi imprescindibili per far si che la responsabilizzazione sia reale sono l’instaurarsi di buoni sistemi di delega (effettiva), di definizione chiara degli obiettivi e di valutazione dei risultati. Spesso l’ambiguità dei sistema di delega non supportati da adeguati strumenti decisionali e informativi (informazioni inesatte o insufficienti, segretezza dei budget, definizione inadeguata dei tempi) imbrigliano in maniera decisa e fuorviante la possibilità di gestire in modo autonomo ed integrato le azioni necessarie a portare a casa il risultato. Non è sufficiente tirare tutti da una stessa parte (come il gioco del tiro alla fune dove tutti i giocatori utilizzano lo stesso schema) ma lo si deve fare in modo che ciascuno adotti un comportamento legato al ruolo che gli è stato assegnato attraverso un metodo rigoroso e con regole chiare. Come in una squadra di calcio dove tutti i giocatori hanno lo stesso obiettivo (la vittoria) ma i ruoli e le decisioni da prendere sono specifici e legati alle caratteristiche individuali.

Il terzo elemento, imprescindibile in questa fase di scenari veloci e spesso imprevedibili, è quello della flessibilità. Benché il nostro agire richieda chiarezza e pianificazione, il manager deve avere la capacità di gestire e promuovere l’organizzazione in modo adattivo e flessibile in modo da poter rispondere alla fluttuazione degli scenari esterni rispettando sia le esigenze e le deleghe assegnate alle persone che rispettando i vincoli organizzativi (soldi, tempi, contratti). Capacità che non può essere solo in capo al manager se non nella creazione delle condizioni affinché le persone abbiano l’attitudine alla flessibilità di pensiero e di azione, abbiano gli strumenti per poterlo fare e ne abbiano sperimentato la possibilità di farlo. L’attitudine alla flessibilità da sola non basta se non supportata da un’esperienza di flessibilità agita: se una modalità diversa di gestione di un problema è penalizzata in quanto non era prevista, l’attitudine non viene premiata ma svilita.

Il viso che parla: quanto più siamo liberi tanto più siamo prigionieri

innuova
aprile 8, 2015

Propongo di seguito un estratto di un articolo pubblicato nel 2014 sul San Jose Mercury News (San Jose, Calif.). Mi ha colpito particolarmente  l’articolo perché incrocia alcuni aspetti controversi della nostra contemporaneità: l’uso della tecnologia come strumento di sicurezza e controllo; l’aumento della libertà di circolazione e la sua tracciabilità (e se volessimo essere invisibili?); l’essere controllati da un grande cervello che immagazzina migliaia di dati che ci riguardano personalmente, senza alcun consenso da parte nostra. Continue reading Il viso che parla: quanto più siamo liberi tanto più siamo prigionieri

In arrivo il seminario sulla gestione dei conflitti

innuova
marzo 30, 2015

Una giornata di lavoro per capire come gestire al meglio i conflitti che si generano nel rapporto con gli altri.
Nelle relazioni che si hanno, in base ai ruoli che si ricoprono e alle proprie caratteristiche personali possono nascere conflitti ed incomprensioni. Un clima lavorativo positivo, delle buone relazioni interpersonali e di gruppo, l’accettazione e il sostegno reciproci sono strumenti essenziali per una buona qualità del lavoro svolto e della vita personale. Il conflitto non deve essere inteso come elemento negativo: se adeguatamente gestito è un’opportunità per migliorare le relazioni interpersonali
L’obiettivo del workshop è quello di aiutare i partecipanti a riconoscere i propri conflitti interpersonali, imparare a gestirli e mediarli in chiave positiva.
Il seminario è di una giornata, inizia alle ore 9.30 e si conclude alle 17.00
Luogo di realizzazione del seminario: Tenuta Sant’Elisabetta Via Contrada Camera 120, Fermo http://www.tenutasantelisabetta.it.

Scarica la locandina Gestire i conflitti nel gruppo- maggio2015

Perché facciamo quello che facciamo?

innuova
marzo 13, 2015

cloud19Sono stata invitata da un gruppo di genitori a parlare dei problemi che oggi i giovani incontrano nell’affrontare la propria vita.

Quando degli adulti/genitori mi chiamano per parlare dei giovani /figli, mi capita di essere disubbidiente, penso che il mio contributo possa essere utile alle persone presenti, non a quelle assenti. Scrivo dunque di seguito degli adulti, ed in minima parte anche dei giovani: parlo di come sono le persone oggi e delle sfide che vivono.
Propongo alcune riflessioni sui valori e le tensioni che accompagnano le nostre vite adulte e che lasciamo in eredità ai nostri figli. In alcuni casi potremmo chiamare queste tensioni conflitti intrapersonali, causati da forze-valori contrapposti e che generano spesso malessere.
Vale la pena dire d’altra parte che questi conflitti sono frequenti, necessari e irrisolvibili.
Accennerò dunque brevemente a tre tipi di conflitti intrapersonali scelti tra quelli che più comunemente affiancano la nostra quotidianità. Citerò quindi due menzogne moderne e per ultimo parlerò delle mappe educative.

I conflitti intrapersonali
Il primo conflitto di cui vorrei parlare è quello che contrappone la ricerca del desiderio alla paura dei legami.
Il desiderio è un’energia bella, viva, è qualcosa che ricerchiamo in continuazione, la tensione della nostra vita, ciò che orienta l’agire quotidiano e che nella sua realizzazione (possedere finalmente la cosa desiderata, avere accanto la persona desiderata, raggiungere lo status voluto) perde via via di valore, si spegne e diventa impegno, limite, responsabilità, cosa già data, paura del legame.
Il secondo conflitto è quello che contrappone il valore –bisogno di sicurezza (di stabilità economica, di sentimenti, del lavoro, sicurezza abitativa, amicale, delle proprie idee ) al valore-bisogno di libertà, di cambiare, di essere liberi appunto nei comportamenti, nelle relazioni, nelle idee, nei consumi, nei tempi.
Il terzo conflitto importante è quello che vede contrapposti il valore delle cose/durevoli rispetto al valore delle cose nuove, usa e getta. E’ meglio acquistare un divano ben fatto, che costa di più, confortevole ma che chiede manutenzione oppure un divano economico (su cui investire poco in termini di cura), che quando non va più lo butto e ne acquisto un altro?

Le menzogne
Passando poi a quelle che ho definito le menzogne moderne, cito la menzogna delle connessioni e la menzogna dell’autonomia.
Le connessioni come segno di relazione. A differenza dei legami le connessioni vanno e vengono, possono spegnersi e cancellarsi senza creare dolore, sono molteplici, migliaia, non impegnano, non ci chiedono di rivelarci (su FB possiamo essere connessi con migliaia di persone e scomparire senza che nessuno ce ne chieda il conto). Il legame invece coinvolge, chiede impegno reciproco, ci interroga ogni volta, ci spinge a essere coerenti o a giustificare l’incoerenza. Chiede una relazione in presenza data da occhi e voce. Capiamo bene che le connessioni dunque non sono relazioni e non le sostituiscono perché attraverso queste impariamo poco degli altri e quasi niente di noi stessi.
Passiamo infine al concetto dell’essere autonomo, della tensione verso l’idea del farsi da se’, del bastare a se stessi. In verità noi da soli siamo insufficienti, è la nostra vita che si genera continuamente nell’incontro con l’altro e ha bisogno della relazione con l’altro. Pur se complicata, difficile, impari in alcuni casi, fallimentari in altri. Ma chi non ha fallito nella propria vita?

Stare nei conflitti (che abbiamo detto essere necessari e quasi sempre irrisolvibili) significa capire cosa ci orienta nella vita, qual è la nostra mappa. L’educatore, l’adulto, a volte anche il pari, il coetaneo, è come un disegnatore di mappe: la mappa anticipa il territorio, permette di prefigurare i percorsi, visualizzare e desiderare in anticipo le traiettorie. I percorsi suggeriti dalla mappa possono indicare comportamenti, brevi descrizioni e qualche considerazione teorica, che permettono di contestualizzare il viaggio all’interno di percorsi di vita. La mappa aiuta tutti a capire qual è il nostro obiettivo, qual è il sistema di credenze che ci permette di rispondere ai nostri bisogni.

E per ultimo un passaggio sui bisogni.
Alcuni di questi sono stati citati e sono nel buon equilibrio tra la certezza (che alla fine produce noia) e l’incertezza, quella varietà-sorpresa che a volte chiamiamo problemi ma che amiamo affrontare.
Il bisogno di sentirsi importanti in un modo che ciascuno di noi decide di rappresentare (scalare montagne, fare un viaggio da soli, cantare, prendere un brevetto di volo, saper suonare uno strumento, farsi un tatoo…).
Il bisogno di avere legami e non solo connessioni, dunque bisogno di relazioni e amore (di diversa natura, l’amore intimo, quello spirituale, quello amicale…). Il bisogno di essere appagati, dobbiamo crescere perché possiamo fare qualcosa che ha valore per noi stessi, e infine il bisogno di poter dare qualcosa che ha valore per gli altri.

Dunque conflitti, menzogne, mappe e bisogni sono i quattro temi sui quali impostare una buona riflessione sull’essere persone oggi.

Le leggi fondamentali della stupidità umana

innuova
febbraio 9, 2015

cloud19Ho letto poco tempo fa un piccolo saggio intitolato
LE LEGGI FONDAMENTALI DELLA STUPIDITA’ UMANA
di Carlo M. Cipolla, Professore Emerito di storia Economica a Berkeley

Tale saggio fu stampato per la prima volta nel 1976 come regalo di Natale per gli amici ed in seguito pubblicato per una diffusione più ampia. E’ una lettura divertente e arguta che consiglio a tutti, 20 pagine nelle quali l’autore descrive le 5 leggi della stupidità umana. La parte che personalmente mi ha colpito è quella relativa alla presentazione del concetto di stupidità, provo a sintetizzarne i passaggi principali.

Gli individui sono caratterizzati da differenti gradi di propensione a socializzare. Ci sono individui per i quali qualsiasi contatto con altri individui è una dolorosa necessità. Essi devono letteralmente sopportare le persone e le persone devono sopportare loro. All’altro estremo dello spettro ci sono individui che non possono assolutamente vivere da soli e sono persino disposti a trascorrere il loro tempo in compagnia di persone che disdegnano, piuttosto che restare soli. Tra questi due estremi vi è una grande varietà di condizioni sebbene la grande maggioranza di persone sia più vicina al tipo che non può sopportare la solitudine piuttosto che al tipo che non ha propensione per i rapporti umani. Aristotele riconobbe questo fatto quando scrisse che «l’uomo è un animale sociale» e la validità della sua affermazione è dimostrata dal fatto che noi ci muoviamo in gruppi sociali, che ci sono più persone sposate che scapoli o nubili, che tanta ricchezza e tempo sono sprecati in esasperanti e noiosi cocktail-parties e che alla parola solitudine viene normalmente attribuita una connotazione negativa.

Che uno appartenga al tipo eremita od al tipo mondano, deve comunque trattare con la gente, anche se con diversa intensità. Ogni tanto anche gli eremiti incontrano persone. Inoltre ci si pone sempre in relazione con gli esseri umani anche evitandoli. Ciò che avrei potuto fare per un individuo o per un gruppo, e che non ho fatto, rappresenta un «costo-opportunità» (cioè un guadagno mancato od una perdita) per quella particolare persona o particolare gruppo. La morale della favola è che ognuno di noi ha una sorta di conto corrente con ognuno degli altri. Da qualsiasi azione, o non azione, ognuno di noi trae un guadagno od una perdita, ed allo stesso tempo determina un guadagno od una perdita a qualcun altro.

La legge aurea e fondamentale della stupidità: Una persona stupida è una persona che causa un danno a un’altra persona senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura una perdita.