L’intelligenza sociale del corpo

innuova
aprile 25, 2013

cloud19In un piccolo ristorante c’è una cameriera da cui tutti vogliono essere serviti: questa donna infatti, ha la straordinaria capacità di cogliere l’umore e il carattere dei suoi clienti, entrando in sintonia con loro. E’ discreta e professionale con l’uomo accigliato che sorseggia un drink nell’angolo buio del locale. Ma diventa allegra e socievole con la rumorosa brigata di operai che ride e scherza durante la pausa pranzo. Con la giovane mamma in compagnia di due marmocchi iperattivi si dà subito da fare, ipnotizzando i bambini con espressioni buffe e barzellette. Non è un caso se questa cameriera riceve più mance di qualsiasi altra.

Una persona capace di sintonizzarsi sulla lunghezza d’onda altrui incarna un principio ben definito: stabilire una sincronia comporta benefici interpersonali. Più due persone sincronizzano inconsciamente i loro movimenti e gesti durante un’interazione reciproca, meglio si sentiranno dopo tale incontro e nei confronti l’uno dell’altro. La forza sottile di questa danza e le capacità sociali dipendono dai neuroni specchio. In un interessante studio, un elettrodo ha monitorato un singolo neurone di una persona cosciente: il neurone si è attivato sia quando la persona si aspettava un dolore (una puntura di spillo), sia quando vedeva qualcun altro subire una puntura di spillo. Molti neuroni specchio agiscono nella corteccia premotoria, che governa una serie di attività come parlare, muoversi, o semplicemente avere l’intenzione di fare qualcosa. Poiché sono adiacenti ai neuroni motori, la loro collocazione implica che le aree del cervello preposte al movimento cominciano ad attivarsi quando vediamo qualcuno compiere un qualunque gesto. I neuroni specchio si attivano per esempio quando vediamo qualcuno grattarsi la testa o asciugarsi una lacrima: una parte delle reti neuronali del nostro cervello imita quelle altrui. Le informazioni relative a ciò che vediamo si trasmettono ai nostri neuroni motori, portandoci a vivere i gesti dell’altra persona come se fossimo noi a compierli. I diversi sistemi di neuroni specchio non sono preposti soltanto ad imitare le azioni, ma anche a decifrare le intenzioni, a cogliere le implicazioni sociali delle azioni di una persona e a captarne le emozioni. I neuroni specchio rendono le sensazioni contagiose, fanno in modo che le emozioni a cui assistiamo fluiscano dentro di noi, aiutandoci ad entrare in sintonia con ciò che sta accadendo.

Percepire ciò che una persona intende fare e perché offre informazioni sociali di inestimabile valore, permettendoci di anticipare ogni possibile sviluppo. Questi sistemi ci permettono di captare le menti altrui non attraverso il ragionamento concettuale, bensì tramite la simulazione diretta: con la percezione, non con il pensiero. Non possiamo quindi più considerare le nostre menti come organi indipendenti, singoli e isolati, bensì come permeabili, coinvolte in una continua interazione quasi fossero unite da un legame invisibile. A livello inconscio, siamo impegnanti in un dialogo costante con ogni persona con cui interagiamo, in un’interdipendenza reciproca di sensazioni e movimenti.

Il legame tra i cervelli fa sì che i corpi si muovano in tandem, i pensieri seguano gli stessi percorsi e le emozioni viaggino lungo le stesse corsie. Nel creare un ponte tra due cervelli, i neuroni specchio danno vita ad un tacito duetto che apre la strada a transazioni poco percettibili ma intense.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 4 =